Solomun suonerà a Milano durante la Design week!

Solomun torna a Milano per una data imperdibile!

Dopo il successo della Dynamic showcase berlinese della settimana scorsa (a cui ha partecipato il team di Ibiza by night), Solomun sarà di scena al Fabrique Milano, venerdì 15 aprile, per uno degli eventi più cool della design week meneghina.

la line up sarà completata da Johannes Brecht (Live), Undercatt ed Andrea Rango.

Per tutte le ulteriori informazioni, questo è il link alla event page su Facebook:

https://www.facebook.com/events/902707489850382/

Se siete a Milano, ecco una festona da non perdere, e come sempre grazie a Daniele Spadaro per il media support.

#milandesignweek #designweek2016

12888559_453267941534425_3168400477360614489_o

 

Annunci

I Martinez Brothers e Lele Sacchi suonano a Milano!

La fine del mese di Aprile sarà all’insegna di un gran bell’evento: i Martinez Brothers tornano a suonare nel capoluogo meneghino.

Preparatevi, il 24 aprile 2016 saranno di scena al Fabrique i Martinez ed insieme a loro suonerà anche Lele Sacchi, un dj che da anni sta facendo parlare di sé.

More info soon. Questo è il link alla event page su Facebook:

https://www.facebook.com/events/456854907837779/

 

All’Amnesia Milano suonano Fabio Florido, Hito e Luca Doobie!

A Milano sarà un week end all’insegna della buona musica, ed oggi parliamo dell’Amnesia.

Nel club meneghino è in arrivo un duo di dj che apprezziamo ad Ibiza da anni: Fabio Florido e la raffinata dj e produttrice giapponese Hito.

Hito da anni si divide tra Berlino ed Ibiza ed è un pilastro del team di Richie Hawtin…e nei prossimi mesi ci riserverà molte sorprese sull’isla blanca.

La line up è completata da Luca Doobie.

L’appuntamento è fissato per sabato 9 aprile all’Amnesia Milano!

Questo è il poster ufficiale.

12418080_10153883673941311_8611497205046778565_n

L’Ushuaia ha annunciato l’opening party di Ants!

Ants è una delle feste ibizenche più allegre e divertenti.

Negli ultimi anni il sabato pomeriggio e sera all’Ushuaia sono stati all’insegna della Colony, dei suoi dj – tra cui si annoverano artisti del calibro di Andrea Oliva, maya jane Coles, Uner, Los Suruba, giusto per fare qualche nome,  e dei grandi performer.

L’Ushuaia ha annunciato l’opening party 2016: si parte sabato  4  giugno e si proseguirà per una lunghissima stagione.

E non preoccupatevi,  anche quest’anno Andrea Oliva e soci renderanno il sabato sull’isola indimenticabile.

Pronti per Ibiza 2016?

Se volete conoscere la lista delle feste confermate, cliccate qui.

Questo contenuto è realizzato in collaborazione con http://www.ibizalink.net

 

Bologna ospiterà una mostra di quadri di Edward Hopper!

Farinight è anche un viaggio nell’arte, ed oggi ci dedichiamo ad un pittore che il fascino della notte- con quadri come “Nighthawk” – l’ha saputo raccontare: Edward Hopper.

Hopper è senza dubbio uno dei pittori americani più importanti del ventesimo secolo, e Bologna lo celebrerà con una mostra di quadri che si svolgerà dal 25 marzo al 24 luglio 2016 a Palazzo Fava – Palazzo delle Esposizioni di Bologna.

La mostra  è prodotta e organizzata da Fondazione CarisboGenus BononiaeMusei nella Città e Arthemisia Group in collaborazione con il Comune di Bologna e il Whitney Museum of American Art di New York.

L’esposizione è  stata curata da Barbara Haskell – curatrice di dipinti e sculture del Whitney Museum of American Art – in collaborazione con Luca Beatrice.

Per tutte le ulteriori informazioni:

http://www.genusbononiae.it/mostre/edward-hopper/

Indirizzo: Palazzo Fava, via Manzoni 2, Bologna

I NiCe 7 suonano al 4cento di Milano!

Il 4cento di Milano è una delle location più interessanti del capoluogo meneghino: ambiente adulto e selezionato e, soprattutto, sia scolta sempre buona musica.

E, in tema di buona musica, sulle sponde milanesi sbarcano i NiCe7, duo italiano tech house molto apprezzato anche al di fuori dei confini nazionali (sono reduci, tra l’altro, dall’ennesimo tour australiano): i NiCe 7  suoneranno al 4cento venerdì 19 marzo.

Se siete in zona, ecco un party che merita di essere segnalato. La line up è completata da Carlo De Mas.

Per tutte le ulteriori info, ecco il link alla event page su fb ed il poster ufficia:

https://www.facebook.com/events/504921466381847/

12828331_980889335325707_8634874504753129849_o.jpg

Alfons Mucha a Milano!

Dalla nostra Angela Romy Saez riceviamo e volentieri pubblichiamo:

Il prossimo  weekend si concluderà la tappa milanese della  mostra   di Alfons Mucha, che include oltre 150 opere dell’artista ceco, uno dei massimi rappresentanti dell’Art Nouveau e padre del concetto contemporaneo di grafica. So che mancano pochi giorni alla fine e che state programmando riposo, party ed afterhour ma suvvia ce la potete fare a deliziarvi l’anima con un po’ di sana arte.

Anche perché se riuscissi a convincervi ma non riusciste a trovare il tempo, poi vi toccherebbe seguire la mostra a Genova e quello sì che sarebbe più complicato per gli spostamenti.

In genere dell’arte si parla per lo più in maniera altisonante come se fosse qualcosa di elitario alla portata unicamente delle menti più sopraffine, personalmente credo che le arti invece tocchino semplicemente l’animo.

Perlomeno io l’arte l’ho sempre vissuta così, fin da piccina trascinata dai miei nelle loro gite culturali che mai hanno voluto insegnarmi storia specifica di artisti ed opere lasciandomi libera di vivere e sentire le mie emozioni tra un inquietante Picasso ed un confortante Monet.

Comunque, forse anche per questo, mi è sempre sembrato assurdo che l’arte venga  insegnata prevalentemente sui libri, come fa una piccola riproduzione stampata a toccarti quanto un’opera originale?

Eppure con me Alfons Mucha ci è riuscito anche così, la sua impostazione classica eppure naturalmente assimetrica, le sue linee decise a voler rimarcare un’eleganza leggera quasi fosse casuale e tuttavia così profondamente definita, la naturalezza delle geometrie, la decoratività dei fiori, la sensualità delle donne ritratte che appaiono così terrenamente fragili ma al contempo divinamente eteree, e gli sguardi, questi occhi che sembrano dei portali ad altre dimensioni.

Le sue opere hanno qualcosa di mistico ma può anche darsi che quando finalmente arrivò il suo turno a storia dell’arte fosse un benedetto lunedì e stessi ancora smaltendo i postumi, in genere però il mio feeling mi ha dato spesso ragione e vi svelerò una piccola chicca: nella ricerca* sull’artista pubblicata su una quotidiano  si afferma che nello studio di Montparnasse, modelle preventivamente ipnotizzate assumevano pose particolari,  e queste pose erano suggerite da suoni o da brani musicali.

Morale della favola: la musica e la magia con certi artisti c’entrano sempre”.

Per approfondire e le info utili:

http://www.mostramucha.it/la-mostra/